Nesta si presenta: “Romperò le scatole. Ecco cosa mi hanno insegnato Zeman ed Ancelotti…”

FROSINONE NESTA CONFERENZA – Alessandro Nesta è il nuovo allenatore del Frosinone. Dopo l’ufficialità arrivata lunedì scorso, l’ex capitano della Lazio si presenta alla stampa questa mattina.

Ernesto Salvini, direttore generale del Frosinone: “Il Frosinone inizialmente aveva optato per un tecnico emergente: è nel mio dna trovare queste soluzioni. Tutti quelli che hanno viaggiato nel mondo Frosinone hanno ottenuto risultati, con grande capacità e abnegazione. C’era la volontà di aprire un ciclo con un tecnico giovane, un tecnico che ha ottenuto anche risultati. La scelta su Alessandro è nata perché ci dà la condizione giusta per lavorare: abbiamo optato per un biennale. È il tecnico e lo staff giusto per aprire un ciclo importante. Ci tengo a ringraziare il Perugia e il suo presidente per aver liberato Nesta prima del 30 giugno”. 

LA CONFERENZA STAMPA DI NESTA

“Il presidente mi ha detto: “Fai quello che sai fare”. Sono un allenatore giovane, però ho le mie idee. Sono sulla strada giusta. Non sono precoccupato. Ho parlato con il presidente Stirpe, grande persona e grande personaggio. Sa quello che sono. L’anno scorso col Perugia abbiamo fatto un tipo di calcio. Sarà tutto sulle mie spalle: se le cose non funzioneranno, sarà colpa mia. Non cercherò mai alibi. La mia carriera da allenatore è giovane, però nella mia vita le responsabilità le ho sempre volute e sempre gestite”.

“Il Frosinone viene da una retrocessione. Il primo obiettivo è creare entusiasmo, che la gente venga allo stadio e chi sia orgogliosa della propria squadra. Il giorno che finisce il mercato, è inevitabile che il Frosinone non può fare un campionato anonimo. È un top club”.

“Ogni tecnico mi ha lasciato qualcosa. Ho avuto Zeman che ebbe il coraggio di prendere un ragazzino e farlo esordire. Ho avuto Ancelotti. Da ognuno ho preso qualcosa. Ma ripeto: ognuno poi deve avere una propria personalità. Farsi amare dai propri giocatori è fondamentale: questo mi ha insegnato mister Ancelotti. E spero che questa sua abilità l’abbia appresa”. 

“Ora vedremo il mercato: chi andrà via, chi verrà. Il 4-3-2-1 è un modulo che conosco bene e spero di attuare anche qui a Frosinone. La mentalità durante la settimana è fondamentale: avere un atteggiamento costante negli allenamenti. Ripeto: sono un allenatore giovane, che rompe le scatole”.