Roma, Ranieri: “Gestito male addio De Rossi, da allenatore lo avrei riconfermato”

ROMA CONFERENZA RANIERI – Si avvicina Sassuolo-Roma in programma sabato sera al Mapei Stadium. Claudio Ranieri è intervenuto in conferenza stampa per presentare la partita presso la sala di Trigoria.

CASO DE ROSSI – “Credo che debba essere uno stimolo positivo e propositivo, ormai i giocatori sono abituati a tutto. Poteva essere uno stimolo negativo anche le voci sull’allenatore del futuro e i ragazzi non hanno mai mollato. Mi auguro che questo fatto sia uno sprone a far bene, ci sono due partite da completare, una piccola possibilità e dobbiamo avere la coscienza a posto di aver fatto il massimo che potevamo. Quando i nostri tifosi chiedevano spiegazioni sulle decisioni e da chi erano state prese sulla fine del rapporto di Daniele qui alla Roma, io ho detto: “Sicuramente a Londra e in America”. Decide la società e il presidente e la persona che gli sta più vicino, è quella che sta in Inghilterra”.

FUTURO ROMA – “Io non conosco i progetti del futuro di Pallotta, non possono aver parlato con me, sapendo che tra due partite finisco il mio rapporto con la Roma. In ogni società di calcio ci sono ricambi, per cui ci sta, abbiamo visto anche in Italia, squadre che hanno perso punti di riferimento, solo che magari a Daniele, essendo il capitano e una persona storica qui, forse andava detto in un’altra maniera e dargli modo di pensare bene. E’ il calcio, la legge del calcio, a un certo punto la società vuol cambiare e vuole altre giocatori. Come sono i giocatori che a volte scelgono altre società, così sono società che vogliono cambiare. Certo per una figura così importante, per il capitano della Roma, avendo i tifosi della Roma un amore sviscerato per la propria squadra, una considerazione più attenta avrebbe consigliato un altro comportamento”.

DE ROSSI – “Sembra strano, ancora ci devo parlare, non abbiamo avuto 5 minuti per noi, ma l’ho visto bello, motivato e determinato come sempre. Dentro di sé sarà squassato, immagino non dormirà la notte, ma è normale. Chi ha dato tutto, giocando anche non al 100% lo ha fatto per attaccamento a maglia, tifosi e squadra. Ma ancora ci devo parlare. Il modulo? Vediamo, sto studiando. Il Sassuolo è ben organizzato, ho visto la gara d’andata e mi sto facendo un’idea. Vediamo negli ultimi due allenamenti se mi convince più il 4-3-3 o quello di prima”.

FUTURO DE ROSSI – “Daniele credo voglia continuare a giocare, lo ha detto ed è giusto così, ha già la mentalità di allenatore, perché ha un padre che è allenatore. E’ un leader positivo che pensa al bene di tutti. Credo che la formazione che gli ha dato il padre sia questa, una visione di insieme e non singola. Parlerò con lui per sabato, vedremo. Voglio fare un appello ai tifosi: mi auguro che l’ultima partita all’Olimpico sia una festa per Daniele, il tempo delle contestazioni ci sarà, ma dimostrate amore a Daniele, alla Roma. E’ la cosa più importante”.